giovedì 18 dicembre 2014

Cose da Fenomeni


Pietra di paragone del momento, almeno per me, come Fenomeno. Sta per uscire il secondo LP (prodotto da un'etichetta di Bruxelles) e un 45 giri da jukebox (o mangiadischi) con due inediti che faranno (s)ballare i capelloni, i freaks, i mods, i beatniks e i giovinastri di oggi (siamo già nel 1969, come vola il tempo).

sabato 13 dicembre 2014

"Mi manchi, come la pioggia manca ai deserti"



E' perfetta questa metafora, questa immagine, per descrivere una assenza, una mancanza dolorosa. Perchè i deserti non l'hanno mai vista, la pioggia, non sanno cosa sia, ma la pensano, se la immaginano, la aspettano. Se solo ci fosse mai stata, la pioggia, i deserti sanno che potrebbero diventare (avrebbero potuto diventare) delle oasi. Quando ci manca qualcuno o qualcosa, spesso ci manca quello che avrebbero potuto essere, quello che non sono stati (non c'è stato), l'idea che avevamo, le speranze, le illusioni. Perchè non sarà più possibile realizzarle, quelle speranze. E restiamo qui, come deserti a cui manca la pioggia.



Questo era per dirti che mi manchi, P.

lunedì 8 dicembre 2014

La realtà non esiste


"Quando stai mangiando una mela tu e la mela siete parti di Dio,
Quando pensi a Dio sei una parte di ogni parte e niente è fuori da tutto
Quando vivi tu sei un centro di ruota e i tuoi raggi sono raggi di vita;
puoi girare solo intorno al tuo perno o puoi scegliere di correre e andare
Quando dormi tu sei come una stella e il respiro è come fuori dal tempo;
Quando ridi è come il sole sull'acqua, sai che farne della vita che hai
Quando ami tu ridoni al tuo corpo quel che manca per riempire un abbraccio,
Quando corri sai essere lepre e lumaca se hai deciso di arrivare o restare
Quando pensi stai creando qualcosa, illusione è di chiamarla illusione,
Quando chiedi tu hai bisogno di dare, quando hai dato hai realizzato l'amore.
Quando gridi la realtà non esiste hai deciso di essere Dio e di creare.
Quando chiami tutto questo reale hai trovato tutto dentro ogni cosa."
Grande Claudio Rocchi.

sabato 6 dicembre 2014

Funny how time slips away



Già, è strano: fa sorridere, a volte amaramente, come il tempo scivoli via. Come non si possa tornare indietro, recuperare il tempo perduto, il treno partito, le belle cose sprecate, le persone amate. Soprattutto dopo i 50, e dopo la morte di un genitore. Le settimane durano come 2 giornate. Un mese 2 settimane. L'importante è non farsi prendere dal panico, e continuare cercando di sorridere. Finora la ruota saliva, ora è in discesa.


domenica 30 novembre 2014

Lost in a supermarket



Cinque (5!) anni fa registravo questo mio personale tributo ai Clash, voce e chitarra acustica, in presa diretta unica (ingenuo errore fu: creò problemi nel mix, impossibile separare voce e chitarra). Fu un gesto di amore e riconoscenza appassionata per tutto quello che i Clash sono stati nella mia trista giovinezza. Mi piacerebbe fare la stessa cosa per Husker Du, Cure, Joy Division, Ramones, Dream Syndicate. Alcuni non apprezzarono la "nudità" e la "mollezza" di quelle versioni: io invece volevo proprio evidenziare la scarna poesia di quelle canzoni (e lo so che non sono Johnny Cash, mica pretendevo!), musica e parole. Ma poi in fondo me ne fregai, e me ne frego: era una cosa (sono cose) che facevo (e farò) più per me stesso che per gli altri (tanto che era fuori commercio,"not for sale"). Se poi qualcun altro apprezza bene, se no va bene lo stesso.



venerdì 28 novembre 2014

Sincerità bugiarde





Bisogna esserne capaci. Io non lo sono, almeno credo. Mentire agli altri, ma soprattutto a se stessi. Io mi chiedo: ma certe persone, quando si guardano allo specchio, cosa dicono, cosa pensano? Secondo me non si guardano negli occhi, oppure si guardano, sì, ma con divertito orgoglio.

Chi è senza peccato scagli la prima pietra: siamo (stati) tutti un po' bugiardi, a volte a nostra insaputa. Candidamente, stupidamente, ciecamente. Spesso la vita ci ha portati ad esserlo, spesso la vita ci ha costretti. Spesso non volevamo esserlo, epperò. Qualche senso di colpa, qualche rimorso, qualche rimpianto, però poi il tempo, la routine, portano via tutto, come in una fogna. Pulire bene il water, e tirare lo sciacquone, dopo ogni cagata (fatta o detta).