sabato 23 marzo 2019

La manutenzione del cuore

Mi è piaciuto molto l'ultimo libro di Massimo Recalcati: ha poco a che fare col programma televisivo "Lessico amoroso" sbeffeggiato da Crozza come "psicobanalisi", è molto più profondo e a tratti anche poetico e letterario, anche se si capisce che da questo libro sono tratti i testi del programma.
Lo consiglio se si è ancora interessati alla manutenzione del proprio cuore (se non lo si è messo già in cantina, intendo, fra i ricordi di gioventù) e se si è ancora intenti alla "costruzione di un amore" come cantava Ivano Fossati tanti anni fa.

La costruzione di un amore


"La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
Mescola il sangue col sudore
Se te ne rimane
La costruzione di un amore
Non ripaga dal dolore
È come un altare di sabbia
in riva al mare
La costruzione del mio amore
Mi piace guardarla salire
Come un grattacielo di cento piani
O come un girasole
Ed io ci metto l'esperienza
Come su un albero di Natale
Come un regalo ad una sposa
Un qualcosa che sta lì e che non fa male
E ad ogni piano c'è un sorriso
Per ogni inverno da passare
Ad ogni piano un paradiso da consumare
Dietro una porta un po' d'amore
Per quando non ci sarà tempo di fare l'amore
Per quando farai portare via
la mia sola fotografia
Ma intanto guardo questo amore
Che si fa più vicino al cielo
Come se dietro l'orizzonte
Ci fosse ancora cielo
Son io, son qui e mi meraviglia
Tanto da mordermi le braccia
Ma no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia
Son io che guardo questo amore
Che si fa più grande fino al cielo
Come se dopo tanto amore
Bastasse ancora il cielo
E tutto ciò mi meraviglia
Tanto che se finisse adesso
Lo so io chiederei
Che mi crollasse addosso
E la fortuna di un amore
Come lo so che può cambiare
Dopo si dice l'ho fatto per fare
Ma era per non morire
Si dice che bello tornare alla vita
Che mi era sembrata finita
Che bello tornare a vedere
E quel che è peggio è che è tutto vero
Perché
La costruzione di un amore
Spezza le vene delle mani
Mescola il sangue col sudore
Se te ne rimane
La costruzione di un amore
Non ripaga del dolore
È come un'altare di sabbia
In riva al mare
E intanto guardo questo amore
Che si fa grande fino al cielo
Come se dopo tanto amore
Bastasse ancora il cielo
E tutto ciò mi meraviglia
Tanto che se finisse adesso
Lo so io chiederei
Che mi crollasse addosso, sì
E tutto ciò mi meraviglia
Tanto che se finisse adesso
Lo so io chiederei
Che mi crollasse addosso, sì"

domenica 17 marzo 2019

Sono qui



"Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
And I've been away for a year
Minus the words from my mouth, I'm here
Minus what I'm all about, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
And I've been away for a year
I've spent my last money
It's a been a year, honey
I've spent my last money
It's a been a year, honey
Hasn't this love captured enough?
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
Minus the intent to feel, I'm here
And I've been away for a year
Been doing all my drinking
And doing all my drugs
I have been thinking
that I think too much"

venerdì 15 marzo 2019

Poi continuare a vivere



Possiamo correre possiamo andarcene / o stare immobili e lasciare tutto splendere / possiamo prenderci possiamo perderci / dirci solamente cose semplici / possiamo ridere e farci fottere / ballare scoordinati e lasciare perdere / possiamo credere farci esplodere / come armi solo chitarre elettriche / possiamo illuderci ballare stando fermi / e fare caso a quando siamo felici / possiamo crescere ma ricordare per sempre / la tua piccola cicatrice a forma di fulmine / poi continuare a vivere / e non avere niente da perdere / possiamo correre non sapere cosa fare / metterci in salvo e poi metterci a piangere / possiamo leggere e non sapere niente / guarire le ferite sparare sulla gente / cantare ninne nanne scatenare guerre / poi riparare i danni dare nomi alle stelle / possiamo ridere guardarci attraverso / vedere al buio un aereo disperso / possiamo vivere notti illuminate / eterne promesse in fondo a piste sterrate / possiamo fare mezze maratone / per raggiungere il tuo cuore irraggiungibile / poi continuare a vivere / e non avere niente da perdere / possiamo correre essere grandine / in queste superpotenze debolissime / possiamo costruire pace e grandi opere / che prima o poi ritorneranno polvere / possiamo andare sulle stelle più lontane / anche se le metropolitane sono circondate / possiamo navigare a vista senza regole / avere tutto da vincere niente da difendere / possiamo illuderci ballare stando fermi / e fare caso a quando siamo felici / possiamo crescere ma ricordare per sempre / la tua piccola cicatrice a forma di fulmine / poi continuare a vivere / e non avere niente da perdere / poi continuare a vivere.

giovedì 14 marzo 2019

La speranza è una cosa pericolosa



Mi sa che il prossimo disco di Lana Del Rey sarà uno dei miei dischi preferiti del 2019, a giudicare da questo primo assaggio. Che canzone!!

martedì 12 marzo 2019

E ogni giorno mando giù un po' di veleno



Parole del 1996, più attuali che mai, oltre 20 anni dopo.

E ogni giorno mando giù un po' di veleno, ogni giorno
Io che amo l'armonia
E vado un po' a giocare con la mia follia
Non mi pare il caso di passare la vita assetati
Sotto il potere dei falliti
(...)
Ora, ora che ci hai tolto la parola
Prima di partire
Così ci copriamo il volto per farci vedere
Devo sentirmi di morire
A volte
Per rinascere più forte tra le tue rovine
E mando giù veleno ogni giorno
Devo avere una casa
Per andare in giro per il mondo
Vedo il confine lontano
Corro
Le gambe che mi pesano come in un sogno
Ma se rallento sento il fiato sul collo
Non mollo
Ho il sole dentro gli occhi
Forse è un riflesso di specchi
La luce quando è tanta abbaglia
è come il buio
Mi trovo allo sbaraglio
Devo tirare fuori il meglio di me
Dimmi 
Io sono pronto ad andare avanti, vuoi seguirmi?
In giro per il mondo
C'è nascosto il senso
Dei modi di vita all'apparenza
Senza è il conflitto per la sopravvivenza
Questa è la spiegazione
La gabbia è la nazione
Prima ci tirano gli avanzi
Poi ci osservano sbranarci
Questa, questa è la mia casa
E ce ne andiamo in giro
Camminando al centro della strada
Questa è la mia casa
Il cuore scoppia
Dò calci alla porta
Non c'è solidarietà senza rivolta
Madre, madre hey questo fuoco mi uccide
Cosa mi succede?
La miseria della sana vita quotidiana
Uccide
La casa esplode
Cosa mi succede?
Sarò un pazzo
Rimpianti tanti forse
Ma nessun rimorso
Quando dò e non chiedo il prezzo
Perchè so che ti terrò
Tra le cose più care che ho
E arrivi per restare
Come una sorpresa attesa
Questa è la mia casa
Le sorelle guardano negli occhi
Puoi vedere i prepotenti diventare vigliacchi
Quante volte devo essere umiliato
Per capire l'importanza dei conflitti
La mentalità da vinti porta nella notte
Dove tutti i gatti sono grigi
La terra non è ferma, gira
I popoli si spostano
La gente è viva
Anche se alla deriva nuota
Oppure affoga
E' cosa nota
Osserva queste piazze
Una stupenda miscela di razze
Le colora
Ora scorda la paura
E guarda in faccia il vero
In questo viaggio di sola andata
Ognuno scelga il suo volo
Per non restare con in mano niente
Per quanto mi riguarda
Corro il rischio di frequente
Questa, questa è la mia casa
E ce ne andiamo in giro
Camminando al centro della strada
Questa è la mia casa
Il cuore scoppia
Dò calci alla porta
Non c'è solidarietà senza rivolta