venerdì 30 ottobre 2009

Musiche di Franco Zaio, parole di Antonia Pozzi


Ho avuto l'ok da Garzanti per l'utilizzo delle poesie di Antonia Pozzi per le mie canzoni. Dichiaro iniziati i lavori: in pratica bisserò l'esperimento fatto con Pavese (che mi ha dato numerose soddisfazioni). Anche la Pozzi, guarda caso, è un'allegrona suicida, ma tant'è, le sue poesie sono bellissime, per me.
Questa è quella del momento.
Tramonto
Fili neri di pioppi -
fili neri di nubi
sul cielo rosso -
e questa prima erba
libera dalla neve chiara
che fa pensare alla primavera
       Scende la notte -
       nessun fiore è nato -
       è inverno - anima -
       è inverno.
E guardare
se ad una svolta
nascano le primule -
Ma il ghiaccio inazzurra i sentieri -
la nebbia addormenta i fossati -
un lento pallore devasta
i colori del cielo -
     Scende la notte -
     nessun fiore è nato -
     è inverno - anima -
     è inverno.

E' novembre, gente, è novembre.

4 commenti:

Franco Zaio ha detto...

E chissà quando lo porterò a termine (fine 2010?). Prima devo sempre registrare le mie versioni acustiche dei Clash, ma quello sarà un disco non-in-vendita, una cosa per amici e fans, che aggiornerò sul blog.

robydick ha detto...

caspita, tanti tanti complimenti!
quella poesia poi è davvero bella, sono molto curioso delle canzoni che potrai fare.
ciao

4 dogs records ha detto...

Alegria do Brasil!

Anonimo ha detto...

Go, Zaio, Go...

Andrea