giovedì 24 dicembre 2009

Disoccupati e morti


I miei più accorati auguri di buone feste, per quanto possibili, vanno a tutti quelli (tra cui due miei vecchi amici) che hanno perduto o stanno perdendo il lavoro in questi tempi, e anche ai famigliari di chi lavorando ha perso la vita, come a Genova ieri sera. Spero che non si sentano e non rimangano soli nella difficoltà e nella tragedia. Mi sento impotente e anche un po' impaurito e inaridito. Nel frattempo il premier invita all'ottimismo e all'amore. All you need is love, don't worry be happy. Andatelo a dire ai cassintegrati, e agli amici-colleghi dei morti sul lavoro. Vorrei potere, o almeno saper fare qualcosa, per queste persone. Quelli sì che sono problemi, e non le mie crisi esistenziali di mezza età. Speriamo che il 2010 sia migliore, ossia che giustifichi l'ottimismo con fatti concreti, e non solo slogan e retorica.
(Vignetta tratta dal blog Salamandra).

3 commenti:

stefania248 ha detto...

mi unisco al tuo augurio. Ste.

listener ha detto...

Auguri Zaio ;o)

andrea sessarego ha detto...

Proprio oggi il premier ha parlato di "partito dell'amore". Quello di Moana?
Per il resto anch'io sono con te per gli auguri ai familiari di vittime di caduti sul lavoro. E a chi ha perso il lavoro, abbiamo un paio di amicizie comuni.